top of page

Nuovo coach e tanti giovani ambiziosi: domenica ritorna la Serie B di rugby!


Riparte da Botticino la stagione del CUS Padova rugby, con Lorenzo Innocenti nuovo capo allenatore e molti innesti dal settore giovanile. «L'obiettivo essenziale resta la salvezza ma vogliamo far divertire chi ci viene a vedere».


Domenica prossimo 8 ottobre si aprirà la nuova stagione del CUS Padova Rugby in Serie B, in trasferta sul campo del Botticino. La stagione passata si era conclusa in maniera rocambolesca, ma felice, con la salvezza raggiunta dagli “amaranto-oro” all’ultima giornata. Ora, con un gruppo tecnico rinnovato per due terzi (i coach Innocenti e Matteralia si aggiungono al confermato Pasqualin), molti innesti dal settore giovanile e qualche nuovo arrivo da altre società, quello che il CUS si appresta a vivere vuole essere il primo passo di un percorso di rilancio, necessariamente ambizioso, vista la storia del club.

Lorenzo Innocenti si appresta così a vivere un nuovo campionato da capo-allenatore: «Veniamo da anni complicati e ci vorrà del tempo per ambire a qualcosa di più della semplice salvezza, che resta l’obiettivo essenziale di questa stagione. Certo è che la rosa è finalmente ampia e presenta diverse individualità di livello superiore alla categoria. L’unico reparto in cui non ci sentiamo adeguatamente coperti è la prima linea e questa resta la vera incognita del percorso che ci apprestiamo ad affrontare. D’altra parte, in quel settore possiamo contare sulla guida di Michele “Pape” Matteralia, allenatore degli avanti, che sicuramente saprà tirare fuori il meglio dai piloni e tallonatori a disposizione».


Quest’anno, ancor più che nelle altre stagioni, il lavoro del vivaio è stato valorizzato dall’approdo in prima squadra di tantissimi giovani: «Siamo contenti dell’amalgama che si è creata fra il gruppo storico di “senatori” e i ragazzi usciti dal settore giovanile. È dal 2017 che portiamo avanti un progetto particolare, volto allo sbocco degli atleti del settore giovanile nella nostra prima squadra. Quest’anno ne sono arrivati una decina e lo stesso sarà per i 2005, 2006 e 2007 che concluderanno il ciclo juniores nei prossimi tre anni. Questo ci permette di guardare al futuro con ambizione, frutto della programmazione e del senso di appartenenza che cerchiamo di trasmettere ai nostri giovani».


Oltre a Matteralia, lo staff tecnico si completa con Luca Pasqualin e Filippo Bravin: «La volontà maggiore che abbiamo, anche con Luca Pasqualin che mi assiste come tecnico delle “skills”, è quella che la nostra prima squadra giochi un bel rugby, efficace e concreto sicuramente, ma arioso, che faccia divertire i nostri giocatori e i tifosi, le famiglie, i bambini che vorranno venirci a vedere alla domenica. Fare un gioco aperto è la strada senz’altro più difficile, ma è quella che, alla lunga, di certo paga e gratifica maggiormente. Per questo stiamo lavorando con Filippo Bravin, nostro preparatore atletico, perché la parte atletica si svolga in maniera quasi totale con la palla in mano».


Nella foto i coach del CUS Padova rugby. Da sinistra a destra: Pasqualin, Matteralia, Innocenti e Bravin

167 views0 comments

Comentários


bottom of page