top of page

I risultati del weekend: il basket femminile centra l'impresa e vola alla seconda fase!


Nulla da fare per il volley femminile, battuto nello scontro diretto per la vetta. Il rugby cede con onore al Mogliano. Successi per basket maschile, calcio a 5 e basket in carrozzina. Ecco tutti i risultati dell'ultimo fine settimana.


RUGBY


Il CUS Padova rugby sfiora la grande impresa in casa del Mogliano, esce sconfitto di soli quattro punti e alla fine guadagna un punto di bonus prezioso per restare a contatto con le dirette concorrenti in classifica. Per la 14esima giornata nel girone 3 di Serie B, gli universitari cedono 26-22 al cospetto della terza forza del campionato. Mogliano che parte meglio e all’11’ trova la meta con Bianchin (trasformata). Il CUS reagisce e a metà primo tempo piazza il sorpasso, prima con un calcio di punizione trasformato da Loteni, quindi con una meta realizzata da Scagnolari. A chiudere in vantaggio il primo tempo è però il Mogliano che accelera e segna due mete, al 28’ con Manfren e al 34’ ancora con Bianchin. Proprio a fine primo tempo il CUS accorcia con una meta di mischia e si va al riposo sul 19-15. A inizio ripresa, seconda meta personale anche per Manfren, con i trevigiani che allungano sul 26-15, controllando la sfida per quasi tutta la ripresa. Ma proprio all’ultima azione il CUS realizza un’altra meta di mischia guadagnando il punto di bonus.


CUS Padova: Loteni, Anzoli, Sartori, Gobbi, Crivellaro, Scagnolari, Caccin, Gesuato, Frare, Santolin, Cerrutti, Nalato, Toson, Di Lorenzo, Griggio. Allenatore Cesaro.


BASKET


Impresa del CUS Padova basket femminile, che battendo Trento fuori casa per 61-44 (quinta vittoria consecutiva), conquista il terzo posto solitario del girone Ovest e accede alla seconda fase del torneo che mette di fronte le migliori otto squadre del campionato di serie B, chiamate da metà marzo a contendersi il titolo interregionale. Quella con Trento era una partita da dentro o fuori. Le universitarie iniziano la gara un po’ contratte e le padrone di casa si aggiudicano il primo parziale 15 -14. Nel secondo quarto la comprensibile tensione dovuta all’importanza della posta in palio pian piano si scioglie e il CUS si porta in vantaggio andando al riposo sopra di 4 lunghezze (28 -24). Al ritorno dagli spogliatoi le universitarie si presentano in campo più determinate. Limitano a 7 punti l’attacco avversario e trovano maggiore continuità realizzativa, staccando Trento di 17 lunghezze, vantaggio che nel quarto periodo il CUS riesce a gestire sino alla sirena. Conclusa la prima fase, il campionato di serie B osserva un turno di riposo, in attesa che venga definito il calendario della seconda fase. Missione compiuta anche per il CUS Padova basket maschile che, già certo da più di un mese della qualificazione alla seconda fase, riesce anche a concludere in testa alla classifica in solitaria il girone D di Serie D. Gli universitari, all’ultima giornata, hanno sconfitto 68-52 in casa la Virtus Lido, mandando in doppia cifra tre giocatori: Fanesi, Angeli e Crescenzio. Dopo una giornata di pausa, il weekend successivo comincerà il nuovo girone che porterà a decretare la promozione in Serie C.


VOLLEY


Per la 15esima giornata nel girone A di Serie C maschile, il CUS Padova volley espugna il Palavega di Mestre, sconfiggendo il Fizeta. Inizio equilibrato del set con le due squadre che non forzano il ritmo ma improvviso allungo dei padroni di casa (12-7) grazie ad alcuni errori in ricezione e attacco dei cussini. Lento recupero degli ospiti che trovano prima la parità a quota 19 e poi allungano grazie agli attacchi di Tonello (19-21). Al primo set point Mainardis a muro regala la vittoria del parziale al CUS. Secondo set con vantaggio iniziale degli ospiti che sembrano poter prendere il largo (1-5) ma è un fuoco di paglia, visto che i padroni di casa sono più continui in attacco e ritrovano subito la parità. Equilibrio che dura fino al 20 pari quando i locali trovano il primo doppio vantaggio e pareggiano il conto dei set. Galvanizzati dalla vittoria i mestrini provano ad allungare nel terzo parziale grazie a due errori in attacco degli ospiti e mantengono il vantaggio per gran parte del set (10-5) venendo raggiunti sul 16 pari da un muro di Scarin. Altro finale ai vantaggi, prima che ci pensi Moschen con un ace a conquistare il terzo set per il CUS. Il quarto set è quello più emozionante, con le squadre che mettono in campo più l'agonismo che la tecnica, dando vita ad un parziale in equilibrio dall'inizio alla fine con continui capovolgimenti di fronte.Dalla parte padovana ad emergere sono Moschen e Artuso che hanno il merito di non mollare mai nonostante la partita non brillante della squadra. Si arriva all'ennesimo finale al fotofinish con il CUS che annulla due set-point e alla fine, dopo una battaglia lunghissima, vince 34-36, confermando la quarta posizione in classifica. Nulla da fare, invece, per il BluVolley CUS Padova Unipd, che perde l’attesissimo scontro diretto contro l’Usma e dice probabilmente addio al sogno di conquistare la vittoria nel girone D di Serie C. Rispetto a quanto successo all’andata, quando le universitarie avevano sfiorato l’impresa perdendo soltanto al tie-break, in questa occasione non c’è storia e la formazione di Caselle si impone in tre set (25-20, 25-19, 25-16). Alla quindicesima giornata, le universitarie perdono quindi la vetta della classifica e si fanno anche raggiungere al secondo posto da I Colori del volley.


BASKET IN CARROZZINA


Grande impresa del CUS Padova basket in carrozzina, che per la terza giornata di ritorno nel girone A di Serie B, sconfigge in casa la capolista Polisportiva Nordest di Gradisca d’Isonzo. Gli universitari partono con il piglio giusto, guidati dalle realizzazioni di Garavello, che fa sentire la sua presenza sotto canestro. Arrivano anche Brotto e Scandolaro a punire la difesa avversaria e a loro si aggiungono Besoli e Coltri, con un attacco veramente fluido e prolifico, come non mai. Gradisca si esprime bene, ma le alte percentuali dei patavini scavano sempre di più un solco che a metà partita è di 21 punti di vantaggio. Con il passare dei minuti i ragazzi di coach Castellucci perdono certezze, pur mantenendo il vantaggio. A 4 minuti dalla fine Scandolaro esce per 5 falli con la squadra avanti di 11 e il CUS sembra sul punto di crollare. Ma l’ingresso di Tabacariu (autore di 10 punti consecutivi) sostiene la necessità del CUS di ribaltare la differenza canestri con l’andata (+8 per la Polisportiva Nordest) ed il canestro di Brotto fissa il vantaggio di +11 che ribalta il risultato. Il finale è 75-64 per il CUS Padova, che prova così a rilanciarsi per la corsa playoff, tornando a due punti dalla vetta. Il commento di coach Castellucci: «Sono molto felice di questa vittoria perché la squadra ci ha creduto e ha dato grande prova di compattezza e determinazione. Non è stato facile tenere a bada gli avversari che nella seconda metà di partita hanno provato a rientrare ma il lavoro fatto nei primi due quarti ci ha permesso di gestire anche qualche calo fisico ed errore difensivo. Per questo bisogna riconoscere quanto di buono è emerso e pensare ancora che la qualificazione ai playoff può essere alla nostra portata. Ovviamente non è il nostro unico obiettivo, ma sarebbe sicuramente la giusta ricompensa per quello che stiamo facendo».


CUS Padova: Lentini ne, Coltri 2, Toscano, Villi ne, Da Rin ne, Besoli 10,

Baldo ne, Brotto 18, Garavello 16, Tabacariu 10, Scandolaro 19.


CALCIO A 5


La quarta vittoria consecutiva vale il balzo al terzo posto nel campionato di Serie C femminile per il CUS Padova calcio a 5. In un PalaCamin praticamente gremito, le universitarie hanno sconfitto il Bo Ca Junior, scavalcandolo in classifica a tre giornate dal termine della regular season. Il CUS ha condotto il gioco fin da subito, trovando tre gol già nel primo tempo. Ad aprire le danze ci ha pensato il capitano Silvia Cerato, che ha sorpreso il portiere avversario con un pallonetto dalla lunga distanza. Il secondo gol nasce da uno spunto di Gloria Prando, che con pazienza detta un fraseggio lungo l'area per poi entrare e segnare a tu per tu con il portiere. La terza rete realizzata da Federica Santi, infine, è frutto di uno schema su calcio di punizione studiato in allenamento. Le ospiti, che avevano segnato anche nel primo tempo, nella ripresa riescono solo ad accorciare e la sfida termina 3-2.



Nella foto le ragazze del basket festeggiano la quinta vittoria consecutiva

61 views0 comments

Comments


bottom of page