Giovani in evidenza ai Ludi del Bo

Updated: Apr 27


La voglia di ripartire era tanta. Non a caso gli iscritti sono stati più di 850, numeri record per i Ludi del Bo di atletica leggera, classico appuntamento padovano di inizio stagione che, in questo 2021, acquisiva un significato particolare. Molti di loro avevano tempi e misure di accredito datate 2019, proprio perché nel 2020 non hanno avuto modo di gareggiare. E il Cus Padova, organizzatore della manifestazione ospitata allo stadio Colbachini, ha saputo gestire un evento non semplice, rispettando tutti i rigidi paletti sanitari imposti dalla situazione, in quello che per molti era l’esordio in pista.


Alla fine a mettersi in evidenza sono stati i più giovani, nella rassegna che valeva anche per i campionati regionali universitari e come prima prova della Coppa Veneto.


A livello tecnico, brillano gli allievi Yassin Bandaogo (Atl. Vicentina), che si migliora sino a 10”71 (-0.6) nei 100 (14/100 di progresso), e Giovanni Lazzaro (Quinto Mastella), bravo a chiudere gli 800 in 1’54”27, limando 69/100 al suo miglior tempo di sempre, risalente allo scorso inverno. Nei 100 maschili, peraltro, vale la pena di sottolineare che gli atleti sui blocchi erano 156, e che sono servite ben 20 serie per farli correre tutti.

Bel progresso (oltre un metro) anche per l’allieva Taré Miriam Bergamo (Assindustria Sport), seconda nel disco con 43.28 raggiunti, alle spalle della junior padovana Emily Conte (Riviera del Brenta), leader di giornata con 45.47.


Per quanto riguarda gli atleti di casa, gli atleti del Cus Padova vanno forte e portano a casa due argenti (Matilde Morin e Vitaliy Maslovatyy), un bronzo (Giacomo Martellozzo) e quattro titoli di Campioni Regionali Universitari (Morin, Martellozzo, Marta Chiarotto e Federico Lazzaro). Spiccano in particolare i due personali nei 100 di Marta Chiarotto (12”47) e Matilde Morin (12”93); quest’ultima in ripresa dopo un periodo di infortunio. L’ottima gara di Giacomo Martellozzo che finalmente infrange il muro dei 50” nei 400 con il tempo di 49”55 e gli 800 di Pietro Argenton, che in solitaria e con decisione sigla il suo personale con 1’58”78.


Di seguito i risultati principali dei Ludi, con tutti i vincitori e i cussini saliti sul podio.

UOMINI. 100 (-0.6): 1. Yassin Bandaogo (Atl. Vicentina) 10”71. 400: 1. Michele Bertoldo (Atl. Vicentina) 48”76, 3. Giacomo Martellozzo (Cus Padova) 49”55. 800: 1. Giovanni Lazzaro (Atl. Quinto Mastella) 1’54”27, 2. Vitaliy Maslovatyy (Cus Padova) 1’54”94. 3.000: 1. Paolo Molmenti (Atl. Biotekna) 8’36”88. Lungo: 1. Nicholas Longo (Team Treviso) 6.89 (-0.1). Disco: 1. Lorenzo Crestani (Atl. Vicentina) 43.35.

DONNE. 100 (+1.8): 1. Marta Nicole Maffioletti (Bracco Atletica) 12”04. 400: 1. Federica Putti (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter) 55”28, 2. Matilde Morin (Cus Padova) 57”23. 800: 1. Ilaria Bonetto (G.A. Bassano) 2’14”57. 3.000: 1. Sharon Giammetta (Atl. Biotekna) 9’56”61. Lungo: 1. Chiara Galvani (Atl. BS ’50 Metallurg. S. Marco) 5.66 (0.0). Disco: 1. Emily Conte (Atl. Riviera del Brenta) 45.47.

69 views0 comments

Recent Posts

See All