top of page

Promuovere l'attività fisica per le persone con diabete: il CUS Padova è partner del progetto Dart!



La settimana scorsa a Valencia si è svolto il primo meeting di un progetto che, attraverso varie attività, punta a migliorare la salute e il benessere delle persone affette da diabete di tipo I e II.


Il CUS Padova abbraccia un nuovo progetto europeo. La settimana scorsa a Valencia si è svolto il primo meeting in presenza del Progetto Dart, un’iniziativa che si pone come obiettivo principale la promozione dell’attività fisica come strumento di miglioramento della salute e del benessere delle persone affette da diabete di tipo I e II.


A coordinare i lavori è l’Università Cattolica di Valencia in Spagna che si avvale come partner, oltre al CUS Padova, anche di Meandros (casa editrice in Grecia),  RSS (Associazione sportiva di Rijeka in Croazia), AFB (Associazione di calcio di Braganca in Portogallo), ASCOTID (Associazione giovani e bambini diabetici in Romania) e Tool (società di comunicazione in Grecia).


Il progetto si articola in diverse azioni specifiche, rivolte a vari gruppi target, con l’intento di sensibilizzare e coinvolgere tutti gli attori interessati. Sono tre gli obiettivi principali:


Promuovere l’attività fisica e uno stile di vita sano. Nonostante gli sforzi già compiuti, esiste ancora una significativa mancanza di motivazione che mantiene molti diabetici inattivi. Per rispondere a questa esigenza, DART propone lo sviluppo di un’app mobile disponibile in sette lingue (inglese, spagnolo, greco, italiano, portoghese, croato e rumeno) pensata per offrire supporto e stimoli continui agli utenti.


Educare insegnanti e allenatori sulle questioni relative agli atleti diabetici. DART prevede la realizzazione di 30 moduli di formazione online, disponibili anch’essi in sette lingue, che permetteranno a insegnanti e allenatori di acquisire le competenze necessarie per supportare efficacemente gli atleti diabetici, contribuendo così a creare un ambiente sportivo più inclusivo e consapevole.


Sensibilizzare i pazienti diabetici e le loro famiglie. Per raggiungere questo obiettivo, DART organizzerà tre eventi moltiplicatori, otto eventi in live-streaming e creerà un sito web promozionale. Inoltre, verrà prodotto materiale divulgativo (opuscoli, brochure, poster, newsletter, articoli) in sette lingue diverse per garantire una diffusione capillare delle informazioni.


Il progetto è rivolto a tutti i pazienti diabetici, senza distinzione di età. L’obiettivo è coinvolgerli in un percorso di attivazione fisica e di educazione a uno stile di vita sano, attraverso l’uso dell’app mobile e la partecipazione agli eventi organizzati. Per questo Dart si rivolge anche agli insegnanti di educazione fisica, agli allenatori, alle famiglie dei pazienti diabetici e a tutti i soggetti interessati per creare una rete di supporto solida e consapevole.

Il progetto è iniziato a gennaio e il primo incontro in presenza, al quale hanno partecipato la responsabile dei progetti europei del CUS Padova Marta Gravina e il segretario generale Riccardo Garavello, è servito per chiarire i prossimi compiti da portare avanti.


L'app si avvale della tecnologia della realtà aumentata, ma avrà anche una parte con alcuni video reali girati da tutti i partner. Per questa attività, il CUS Padova si sta attivando per coinvolgere anche la comunità padovana dei pazienti diabetici (Associazione Diabetici della Provincia di Padova - FAND Padova). Con il contributo di tutti i soggetti coinvolti, il progetto DART conta di fare una differenza significativa nella vita di molte persone.


Nella foto in alto il gruppo di partner che ha partecipato alla riunione di Valencia


80 views0 comments

Comments


bottom of page