Anche l’Università di Padova ha la sua squadra di basket

Ci sono anche lo “straniero” e il cugino di Datome (dal Mattino di Padova del 12 novembre 2015)

Anche l’Università di Padova ha la sua squadra di basket. Da un’intensa opera di reclutamento è appena nata una nuova formazione del Cus, che si allena all’ombra delle cupole del Santo nella palestra della Casa del Fanciullo, in vicolo Santonini. Per inciso, una squadra universitaria è già stata allestita, ma si tratta di un gruppo dell’Arcs (Associazione ricreativa culturale e sportiva) composto da docenti, tecnici e amministrativi dell’Ateneo. «Abbiamo pensato di estendere l’iniziativa, mettendo in piedi una squadra dedicata agli studenti da affiancare a quella dei dipendenti universitari», spiega Luigi Salmaso, professore di Ingegneria statistica e responsabile della sezione basket del Cus, che ricopre anche l’incarico di capoallenatore del neo team studentesco (coadiuvato dal vice Marco Schiavone), avvalendosi della supervisione tecnica di Leo Busca, capitano della Virtus e prof a contratto di Scienze motorie. «Abbiamo pubblicato un avviso sul sito del Cus, a cui hanno risposto parecchi ragazzi interessati a far parte della squadra», continua Salmaso, «La cosa sorprendente è che si sono proposti studenti provenienti dall’intera penisola, quasi tutti fuori sede appartenenti a diversi corsi di laurea del nostro ateneo. Avevamo ricevuto perfino una richiesta d’inserimento da due studenti tedeschi in Erasmus».

Con il Cus giocano oltre 20 universitari, fra cui anche uno studente angolano ed Emilio Datome, cugino di Gigi, capitano della Nazionale azzurra. «Il roster è molto profondo, perché è necessario coprire le assenze dovute agli esami universitari», precisa Salmaso, «Purtroppo, non siamo riusciti a iscriverci in tempo al campionato Fip di Seconda Divisione. Parteciperemo al torneo Csi che prenderà il via più avanti. L’obiettivo è prepararci per i Campionati nazionali studenteschi. È una manifestazione prestigiosa, che coinvolge tutti i Cus italiani e rappresenta la porta d’accesso per le Universiadi. In futuro, però, ci piacerebbe portare il Cus Padova in Promozione o D Regionale».

Intanto, sabato (ore 15.30) alla Casa del Fanciullo è previsto il battesimo in amichevole contro il Cus Ferrara. «La nostra squadra ha destato l’interesse anche di Virtus e Petrarca in vista di eventuali interscambi reciproci», fa sapere Salmaso, «Desideriamo ringraziare tutti quelli che hanno reso possibile questo spazio basket del Cus».

Mattia Rossetto